UN SOLD OUT DA SOGNO PER IL SECONDO TEDXPADOVASALON - TEDxPadova
3794
single,single-post,postid-3794,single-format-standard,_masterslider,_msp_version_2.29.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

UN SOLD OUT DA SOGNO PER IL SECONDO TEDXPADOVASALON

copertina-blog2.ok

UN SOLD OUT DA SOGNO PER IL SECONDO TEDXPADOVASALON

Immaginate un enorme salone, centinaia di sedie, uno schermo largo venti metri, il palco che gli corre accanto, la regia di fronte, vetrate oscurate dalle tende, buio in sala, atmosfera, microfoni accesi, attenzione a mille. «Non potevamo sperare in una location migliore di questa. Grazie a Nice per aver costruito uno spazio così bello e per aver deciso di sostenere il TEDxPadova» – scandisce dal palco il licensee Carlo Pasqualetto. E’ il prologo del TEDxPadovaSalon “Io, Robot”, l’evento che sabato scorso, 8 aprile, ha riunito oltre 500 persone con in comune la passione per il TEDxPadova. Un successo straordinario. Un incontro (a ingresso completamente gratuito, con colazione e pranzo inclusi) tra persone e di idee, un’occasione di networking e di engagement, per mettere in contatto competenze e innovazione, sperimentazione e tecnologia. Cercando di spostare ancora più in là il confine dell’immaginabile e del possibile.

L’emozione si respirava tra tutto il pubblico, accomunato dalla voglia di farsi ispirare da idee di innovazione e cambiamento. Tra gli ospiti anche alcuni dei grandi sostenitori del TEDxPadova, tra cui Cimba Business School, Crédit Agricole Friuladria, Fiera di Padova, Deloitte, Aspiag Service e SHR.

QUATTRO SPEAKER, QUATTRO VISIONI

Poi microfono al primo speaker della mattinata, Emanuele Quarin, Digital Transformation Director di Electrolux: «Per inseguire il miglioramento è necessaria una continua ricerca di equilibrio, un continuo confronto tra il pensato e l’ottenuto» – spiega Quarin, che conclude con un appello: «La Digital Transformation è come un ascensore dove la tecnologia può attivare l’organizzazione in modo esponenziale. Prendetevi cura della consapevolezza digitale delle vostre organizzazioni. Incontrate il mondo delle start up, favorite la crescita di un ambiente dove provare, rischiando anche di fallire, vivendola come un’opportunità, non come una colpa».

Cambio di scena. Sale sul palco Daniele Pucci, ricercatore presso l’Istituto Italiano di Tecnologia. Argomento: “La locomozione dagli umani ai robot umanoidi”. «Non ce ne rendiamo conto, ma noi camminiamo cadendo. E’ tutta questione di ricerca di equilibrio. E d’interazione con l’ambiente esterno. Vale per gli umani, vale per i robot. La sfida è riuscire a replicare quel movimento. Ed è un viaggio ancora lungo, affascinante. Penso ai robot sommozzatori, ai robot ibridi con ruote al posto delle gambe. Ma nel futuro i robot saranno anche in grado di volare».

Ma non si vive di soli algoritmi. Nel break tra le due sessioni di talk i partecipanti sono stati invitati a riscoprire il valore della persona e del contatto umano con un’attività che ha coinvolto davvero tutti. Perché il valore della persona va oltre la tecnologia, oltre i robot. Perché ci vuole passione nello scoprire il talento e la creatività in un’altra persona. Perché dobbiamo alzare lo sguardo e intercettare quello del nostro vicino. E’ da qui che ha origine la difficile e forte innovazione dei nostri giorni.

Ripresa dei lavori con l’intervento di Carla Picardi, straordinario architetto di fama internazionale, già direttore di progetto per la fase preliminare di costruzione del grattacielo The Gherkin di Londra. La scritta “do you believe you create your reality?” campeggia nella sua prima slide. Credete di creare la vostra realtà? «Tutto quello in cui crediamo è realtà – chiarisce Picardi -. Si trasforma in energia, in creatività. E non sto parlando di filosofia, ma di fisica. Tutto è energia. E se vuoi andare in questa direzione, se decidi di farlo, non guardarti indietro». Poi l’esempio di Londra. L’area che ospita The Gherkin in due fotografie: la prima dall’alto, una casupola diroccata, inutile, abbandonata. La seconda la torre a forma di cetriolo (o di proiettile), con i suoi specchi, la sua imponenza. «Usate la vostra energia per cambiare la realtà» – è lo slogan conclusivo che Carla Picardi consegna ai partecipanti del TEDxPadovaSalon.

Ultimo speaker, Alberto Giovanni Gerli. Luce solo su di lui. Luce nelle sue parole. Il suo talk parte con la citazione biblica “E la luce fu” e con una domanda: Cos’è la luce per l’uomo? «Non esiste una luce oggettivamente perfetta, ma una luce soggettivamente migliore – sostiene Gerli – Perché la luce può migliorare la qualità della nostra vita. Ce n’è una perfetta in caso di pioggia, o di nebbia, o di neve, la luce può indicarci la via più breve o più percorribile. Basterebbe collegare i ripetitori dei cellulari all’interno dei corpi illuminanti, che diventerebbero così dei ripetitori di segnale, in grado perfino di personalizzare l’offerta ottica in base alle necessità di ciascuno. Per arrivare a questo sarebbe indispensabile un’alleanza tra le aziende coinvolte, di telefonia, di illuminazione, di ricerca. Tutti assieme, con l’unico obiettivo di migliorare la qualità dell’offerta. Perché la luce è. Perché la luce siamo».

NETWORKING LUNCH

Fine dei lavori, su le tende, si spalancano le vetrate a far entrare il tepore di una meravigliosa giornata di primavera. Tra fuori e dentro allestiti tavoli e chioschi per un pranzo informale ma di altissima qualità. Ed è qui l’ulteriore valore offerto dal TEDxPadovaSalon: la possibilità per ciascun partecipante di incontrare uno ad uno tutti gli speaker e perché no, magari avere l’occasione di suggerire una propria visione, una propria idea di innovazione. Networking puro. A noi del TEDxPadova piace così.

PROVE GENERALI PER IL TEDXPADOVA 2017

La parte pubblica della giornata è finita. In TheNicePlace resta lo staff e gli speaker che tra circa un mese, il 13 maggio 2017, saliranno sul palco del Teatro Verdi per la quarta edizione del TEDxPadova. Prove generali, precedute dai consigli di 4 ex speaker delle scorse edizioni del TEDxPadova: Massimiliano Franz, Valentina Hernandez, Roberto Ragazzoni e Matteo Cielo. Prove generali da non svelare troppo alla community (ma prestissimo, a partire dai nostri social, ne saprete di più). Una cosa però possiamo già anticiparvi: sarà un’edizione indimenticabile.

Il lavoro per il team TEDxPadova infatti è già ricominciato. Il 13 maggio è sempre più vicino. E’ vicinissima l’apertura della vendita dei biglietti per il Teatro Verdi!

Per il 27 aprile, infine, stiamo preparando una sorpresa per voi, nel cuore della nostra città. Restate con noi. Abbiamo molto da costruire insieme.