Matteo Mossuto - TEDxPadova
3961
page,page-id-3961,page-template-default,_masterslider,_msp_version_2.29.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Matteo Mossuto

Domani, ora: TEDxPadova 2017
matteo-mossuto

Un secolo di storia, due Guerre Mondiali alle spalle e un’eredità difficile da smaltire: gli ordigni bellici inesplosi. Ce ne sono ancora moltissimi disseminati in varie parti d’Europa, Italia compresa. Una stima, perché solo tale può essere, indica che in Italia il 40% del materiale inesploso è ancora nascosto chissà dove: all’incirca 16mila tonnellate di esplosivo. Il TEDxPadova ha il piacere e l’onore di ospitare sul palco del Teatro Verdi un artificiere dell’Esercito Italiano: Matteo Mossuto di mestiere disinnesca bombe. Ne ha messe in sicurezza migliaia nella sua carriera, cominciata nel 1993. Ma molto c’è ancora da fare. Tra i tanti episodi di ordigni riapparsi nella quotidianità di ignari cittadini uno di alcuni mesi fa, in un paesino di montagna nel nord Italia. Un camino acceso, un po’ di legna raccolta nel bosco, ma nascosto lì in mezzo anche un ordigno rudimentale di cent’anni fa: l’esplosione, la paura. Mossuto spiega che ancora oggi «Il vero problema è l’informazione. Quel tempo trascorso tra i conflitti mondiali e gli incidenti che ancora oggi si verificano dev’essere raccontato, le persone devono sapere cos’è accaduto e cosa ancora oggi può accadere. Perché quelle bombe possono fare ancora tanto male».