Luigi Gallimberti - TEDxPadova
4832
page,page-id-4832,page-child,parent-pageid-4454,page-template-default,_masterslider,_msp_version_2.29.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 
gallimberti

Luigi Gallimberti

Medico Psichiatra

Luigi Gallimberti ha dedicato gran parte della sua carriera ad approfondire la natura del rapporto esistente tra cervello e mente nel campo delle addiction. Medico psichiatra, tossicologo clinico, psicoterapeuta ad indirizzo psicoanalitico, ha lavorato intensamente sia in campo clinico sia di ricerca. Da sempre convinto che l’addiction fosse originata da una disfunzione cerebrale e da una mentale, ha cercato di abbinare terapia farmacologica e trattamento psicoterapico ritenendo che in questo modo il paziente avrebbe ottenuto risultati migliori. A tale scopo, con il Prof. Gianluigi Gessa, ha scoperto una nuova applicazione di un farmaco, il GHB, che ha dimostrato la fondatezza della sua ipotesi.
La vera “rivoluzione” è avvenuta in anni recenti con un’altra importante scoperta che consiste nell’utilizzo della stimolazione magnetica transcranica ripetitiva nel trattamento della dipendenza da cocaina. Ha sviluppato tale scoperta partendo dagli studi di Karl Deisserroth e Antonello Bonci replicando con successo sugli umani quello che, scientificamente, era stato già sperimentato nei ratti.
Dal 2015 al 2018 il team di Gallimberti ha trattato oltre 500 pazienti dipendenti da cocaina. I risultati ottenuti hanno attirato l’attenzione della comunità scientifica e, in particolare, nel 2017, al lavoro del team, sono state dedicate le copertine di “National Geographic Magazine” e “Science”. Ad oggi altri lavori di ricerca sono in fase di pubblicazione su autorevoli riviste scientifiche, sia neurobiologiche sia psicoanalitiche.
Entro la fine del 2018 sarà pubblicato, assieme ad Antonello Bonci, “La fabbrica della Luce” un libro che racconta ed illustra un’affascinante scoperta.
Nell’aprile 2018 a Torino si incontreranno i maggiori esperti, che utilizzano la rTMS nel campo del trattamento delle addiction, provenienti  da varie parti del mondo per confrontarsi in merito alle più recenti esperienze e alle future applicazioni in questo campo.